domenica 4 febbraio 2018

Ciaspolata Val Campelle - Lagorai

Zona: LAGORAI - VAL CAMPELLE
Partenza: Ponte Conseria (1420 mt), Parcheggio https://goo.gl/maps/jQqYGCAf3hG2
Arrivo: Baito del Cengello (1990 mt)
Dislivello: 600 m
Difficoltà: EAI (Escursione ambiente innevato) Utilizzo di ciaspole e ghette
Periodo consigliato: Da dicembre a febbraio/marzo
Tempo di percorrenza: 5 h, soste escluse
Distanza da percorrere: 12.8 km
Cartina Tabacco n° 58

FOTO E RELAZIONE DI: KATJ COSER



31.12.2017 Ciaspolata: malga Valsorda Prima, malga Conseria, baito del Cengello - Lagorai - Trentino

Vi spiego come arrivarci partendo da Trento: prendete la strada statale 47 della Valsugana in direzione est. Passate le gallerie di Martignano, proseguite entrando nella valle. Continuate sempre dritti passando per le gallerie di Borgo, e proseguite fino al uscita a destra per l’Altopiano di Tesino. Percorrete la strada fino all’abitato di Scurelle, da dove si seguono le indicazioni per il rifugio Crucolo. Seguite la strada stretta ma asfaltata fino al rifugio Carlettini e continuate fino al ponte Conseria. Qui parcheggiate.

Da qui parte il nostro giro prendendo il sentiero che parte prima su strada passando per il ponte Conseria e poi salendo a destra un po’ ripido su sentiero fino ad arrivare ad un bivio. Noi qui prendiamo a sinistra per la malga Valsorda e i laghi di Rocco. Si sale a zig zag tra il bosco su strada forestale finché la vallata si apre e si vede la malga Valsorda Prima. Da qui poi si prende a destra sempre su strada forestale per la malga Conseria. Poi arrivati un po’ sopra alla malga si sale fino al Monumento dei caduti dove c’è una croce. Qui ora si prende a destra per il lago Cengello. Il sentiero prosegue quasi pianeggiante, in alcuni tratti nella parte finale c’era visibile qualche piccola slavina. Si arriva ad un piccolo, ma carino baito dove dietro c’è il lago ora tutto innevato. 
Per il ritorno si riprende lo stesso sentiero fino alla croce e poi giù fino alla malga Conseria, da qui poi prendiamo a destra scendendo per il bosco fino ad arrivare al parcheggio. 
Volevamo arrivare al Passo Ciom ma non ci siamo riusciti, la neve era alta più di un metro e non era tracciata in questo punto e Stellaluna non ce la faceva, sprofondava nella neve. Per cui abbiamo deciso di fare questo giro, è stato molto bello lo stesso! L’importante è essere in mezzo alla natura, alla sua purezza, alla sua immensa bellezza.


Inizio sentiero passando per il ponte Conseria:



Si arriva ad un bivio. Noi prendiamo a sinistra per Malga Valsorda. A destra si va alla Malga Conseria:


Che bello vedere tutto bianco!


Vista del Monte Cengello m. 2439:



Clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook:




In lontananza la malga:


La malga Valsorda Prima:


Noi volevamo continuare e arrivare al Passo Cion, ma non ci siamo riusciti, il sentiero era tracciato fino qui poi basta, e Stellaluna faceva fatica a camminare nella neve alta:


Veduta della cima delle Buse - Lagorai:


La malga dall'alto:


Attraversiamo la valle e arrivati sopra la malga Conseria ci incamminiamo verso la croce dei Caduti:


Cima Lasteati m. 2346 e Cengello m. 2439:


Croce in memoria ai Caduti in guerra:


Ci incamminiamo ora verso il baito del Cengello:


Con la neve è tutto più bello!


Cima Cengello:


Mi fermo ad ammirare la catena del Lagorai:


Veduta della Cima delle Stellune, Cima Montalon, Cima delle Buse:


Il bianco mi da un senso di purezza:


Il baito del Cengello:


È piccolo ma carino:


Si può stare dentro a mangiare e a dormire:


Dopo che ci siamo fermati a mangiare ripartiamo:


Il lago Cengello è completamente coperto dalla neve:


Si scende verso la croce:


E poi verso la malga Conseria che è aperta tutto l’anno:


C’era più di un metro di neve:


Malga Conseria:


E ora l’ultimo pezzo prima di arrivare alla macchina, la notte si avvicina! Ciao amici alla prossima avventura:






Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci liberamente il tuo commento o la tua esperienza su questa escursione